LA DOMINATRICE ED IL SUO SCHIAVO

I consigli della sessuologa: 5 cose da fare più spesso a letto
15 maggio 2018
I principi del Bondage
15 maggio 2018

Per ragioni di convenzione sociale, dire apertamente di voler essere dominati è spesso imbarazzante ma, sessualmente, quasi tutti (specialmente gli uomini) amano questo gioco dei ruoli perché (contrariamente a quanto si potrebbe pensare) rafforza la virilità nella vita di tutti i giorni, ecco quindi che vi abbiamo scritto questo articolo per spiegarvi come diventare dominatrice.

Psicologicamente essere dominati implica una sottomissione volontaria e non forzata, quale cosa rende il protagonista della dominazione assolutamente consapevole della sua forza in altre circostanze, fuorché per quella scelta come piccola perversione.

Non c’è nulla di male nel volersi far dominare e non è una malattia.

LA DOMINATRICE
La dominatrice prende un ruolo assolutamente fondamentale nel rapporto sessuale e risparmia all’uomo pigro la responsabilità di qualsiasi scelta.

Sarà lei a guidare il gioco e sarà sempre lei a dettare ogni regola possibile e immaginabile. Tuttavia essere una dominatrice non è semplicissimo e implica delle piccole regole da seguire per non incorrere in errori che potrebbero rovinare tutto.

Nel “mondo di fuori” lei è una premurosa madre di due figli, con un lavoro come tanti in un ufficio e un anonimo appartamento nei sobborghi di Londra.

Ma sulla “scena” sadomaso della capitale lei è Princess Spider, la Principessa Ragno, una delle Dominatrici più famose e rispettate d’Inghilterra, e d’Europa, la più scellerata, la più temuta e la più ricercata. Con la sua frusta umilia e punisce gli schiavi che hanno l’onore di cadere nella sua rete, soggiogandoli e asservendoli a sé. Queste sono le sue memorie: un diario esplicito e dettagliato dell’inquietante mondo della dominazione femminile.

In Diario di una Dominatrice scoprirete tutto sui giochi di ruolo e i codici d’abbigliamento, le ferree regole di disciplina e i rituali, le attrezzature da camera di tortura e le prigioni del sesso.

Il tutto accompagnato dalle testimonianze in prima persona degli schiavi, uomini spesso di potere che nelle mani di Princess Spider perdono ogni barlume di dignità, arrivando a dimenticare se stessi.

COME SI DIVENTA DOMINATRICI
Chiaramente la dominatrice deve essere assertiva e sicura. Se siete timide potrebbe essere una buona terapia per uscire dal tunnel delle vostre paure. Una volta indossati i nuovi panni del gioco di ruolo anche farvi rispettare nella vita sarà più semplice.

Tanto per cominciare, se vuoi divantare una Dominatrice devi conoscere bene il termine. In inglese si dice Dominatrcs o più propriamente Doninatrix. È inoltre possibile utilizzare il termine Dom o Domme .

Alcune persone, utilizzano il termine “Domma”, Accertarsi sempre di sare la lettera maiuscola.

Dopo tutto, è si tratta di voi, la numero uno, quindi è necessario assicurarsi che il proprio nome o qualsiasi riferimento a voi sia scritto in maiuscolo.

Per tale motivo il vostro servo o sub non merta lettere maiuscole. Se desiderate potete chiamarlo schiavo, soprattutto quando gli invierete qualche biglietto con su scritto l’appuntamento o quello che deve indossare.

FATE I COMPITI
Al fine di capire cosa sia una dominatrice iniziamo a spiegare cosa NON è una dominatrice.

Dominare non implica forzatamente essere cinte di abitini di pelle o latex e non vuol dire solo dire parolacce o infliggere dolore al proprio uomo. Anzi.

Il ruolo della dominatrice è più psicologico che fisico. Come vedremo il costume può aiutare, ma non basta.

Prendete l’esempio di Chloe. Chloe è una padrona che si è messa in caccia sulle orme di uno schiavo maschio perfetto. Ne aveva formato molti e amava farlo, ma adesso i suoi giorni dedicati alla formazione erano finiti.

Voleva farsi una vista con uno schiavo che conoscesse le regole e le corde. Si mise a pensare a Lucas e avrebbe voluto che potesse essere lui, ma dato che non era possibile, doveva organizzarsi per trovare quello perfetto che avrebbe preso cura di ogni sua necessità.

La sua prima fermata sarebbe stata Bucarest e il Club Iron. Fortunatamente per lei, il proprietario è un’amica e le fa sapere che in verità avevano programmato un’asta per la notte successiva. Sarebbe riuscita Chloe a trovare il suo schiavo perfetto?

Si tratta di un racconto breve a tinte esplicite di circa 10.300 parole. Contiene al suo interno linguaggio grafico e temi sessuali. Si rivolge ad adulti che sono interessati a questo tipo di materiale per la fruizione in sistemi legali dove la vendita e il suo godimento non violano alcuna legge.

I TIPI DI DOMINIO
Il vostro dominio può essere verbale, psicologico, servile o semplicemente fisico. Si può affermare il proprio dominio su un uomo anche solo con uno sguardo o semplici comandi concordati.

Sempre meglio capire che tipo di schiavo è il vostro uomo. La violenza è importante ma sempre ricordandoci che stiamo parlando di un gioco e non di una perversione vera e propria.

Quando parliamo di rapporto non mi riferisco ad un rapporto sessuale vero e proprio (almeno non necessariamente).

Infatti questa fantasia, se messa in atto da due persone che sono dentro questa pratica in maniera convinta, di solito non coinvolge il sesso fisico in quanto il piacere è di carattere psicologico e mentale o, in ogni caso, il sesso è semplicemente un contorno.

LO STATO D’ANIMO
Lo stato d’animo di partenza è sempre “il dolore è piacere e il piacere è dolore”. Che detta in questo modo sembra crudele e spietata ma ha veramente un suo perché.

Già nei rapporti sessuali normali, mordersi, strizzarsi i capezzoli o penetrarsi analmente può infliggere un piacevole dolore.

Il primo a prendere in considerazione le due devianze come qualcosa che poteva dare vari tipi di piacere a seconda di chi le praticava, fu Haverlock Ellis che, innanzitutto restrinse i due concetti sotto l’unica definizione di algolagnia, definendoli “godimento di sensazioni dolorose”, recepite e inflitte come “atti d’amore”.

Atti di amore che con l’utilizzo di gel e sex toys può diventare non solo piacevole ma gadevolmente godurioso e creare dipendenza.

LA VERA DOMINATRICE
Il nucleo di una dominatrice vera e propria è proprio in questo sottile confine tra dolore e piacere; più le due pratiche si fondono, più efficace sarà il vostro dominio.

Questi due aspetti possono convivere meravigliosamente e creare un mondo di sfumature assolutamente indispensabili per uno schiavo.

Una tuta integrale (spesso nera) o un fasciante vestitino in pelle sono fondamentali nella cultura fetish e bondage della dominatrice.

C’è differenza tra uno stile di vita da dominatore e il feticismo, ma la tuta nera, che fa quasi da seconda pelle, resta un capo iconico per entrambe le comunità.

Assicurati che il tuo capo sia in pelle, o in lattice. È molto più adatto all’uso in camera da letto (o altri posti) che all’utilizzo quotidiano. Cerca dei vestiti sexy ed esclusivi. Accertati che siano adatti a te e ti stiano bene.

TROVATE LA VOSTRA MUSA ISPIRATRICE
Nel mondo BDSM ogni vera dominatrice che si rispetti ha un suo mito di riferimento.

Donne assertive di fantasia che hanno messo i primi passi nell’immaginario collettivo maschile come donne potenti da cui gli schiavi si farebbero fare tutto.

Da Trinity di Matrix a Xena la Principessa Guerriera, c’è un lunghissimo elenco di esempi che potete attingere anche dalle preferenze del vostro schiavo. Magari provate più travestimenti e pelli da indossare.

Prima o poi troverete quella nelle vostre corde in grado di aprirvi al mondo BDSM senza paura.